Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Africani: manodopera a basso costo

La globalizzazione si è diffusa a livello mondiale, concentrandosi in alcune città, chiamate da Saskia Sassen città globali: verso questi luoghi si muovono i flussi migratori nazionali, internazionali o transcontinentali.
Le industrie dei paesi sviluppati sono entrate da tempo nel meccanismo di valorizzazione del capitale e hanno intuito che abbassando il costo della forza lavoro avrebbero ottenuto l’aumento del profitto.
Quest’esigenza del mercato ha spinto ad una forte delocalizzazione verso i paesi del terzo mondo, dotati di un ricco bacino di manodopera non qualificata, ma sottomessa dalla necessità di guadagno per la sopravvivenza, disponibile a lavorare con un orario lunghissimo e soprattutto di facile e rapida sostituzione.
La decolonizzazione e l’impoverimento delle campagne ha portato masse di africani a migrare internamente verso le città a disposizione delle industrie delle multinazionali, con condizioni insane e faticose, con una svendita del proprio tempo di vita a favore delle regole del capitale.
In questo meccanismo perverso si sono inseriti anche mi membri deboli della società quali i bambini e le donne, ben accetti perché pagati meno, a scapito degli uomini.
Le conseguenze dirette di queste forme di lavoro, molto simili alle vecchie forme di schiavitù, sono la mortalità precoce e le malattie professionali, ma ne conseguono anche varie forme di degrado sociale (ad esempio la tratta delle donne per la prostituzione e quella dei minori) .
Gli africani alla ricerca di lavoro, qualunque sia la loro meta, si ripropongono come forza lavoro a basso costo; quello che per noi italiani è il compimento dell’essere umano come attore sociale ed economico per i migranti diventa un difficile percorso per la sopravvivenza e una lotta continua per il riconoscimento dei fondamentali diritti umani.

Per saperne di più:
Claude Meillassoux, Per chi nascono gli africani, in Gli Immigrati in Europa a cura di P. Basso e F. Perocco, Franco Angeli, 2003

Articoli Correlati

Nessun commento Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

(obbligatorio)