Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Resilienza: abbandonare l’approccio lineare e considerare la fragilità come ricchezza umana

Il termine “resilienza” deriva dal latino “resalio”, che significa saltare, rimbalzare, per estensione danzare. Tale termine è stato principalmente utilizzato nel campo della fisica per designare la capacità di un metallo di riprendere la propria forma dopo aver ricevuto un colpo non abbastanza forte da provocarne la rottura. È la capacità di un corpo di [...]

Continua...

Nuovi giovani per nuove droghe. Come arrivare ai ragazzi in modo più credibile e più vicino al loro mondo?

Non sono utili campagne allarmistiche, né spiegazioni troppo scientifiche ed elaborate. Il modo migliore per raggiungere i giovani è quello di comunicare per immagini, utilizzando il loro linguaggio all’interno dei loro contesti di appartenenza. È utile mostrare loro racconti ed esperienze di vita direttamente da coetanei consumatori, poiché utilizzano termini e concetti di facile e [...]

Continua...

Strumenti e tecniche di relazione per assistenti sociali e operatori che lavorano con l’utenza migrante (4° parte)

Nella relazione interculturale uno degli aspetti che spesso rischia di non emergere agli occhi della comunità professionale è la capacità di resilienza e di autodeterminazione delle persone migranti, scarsamente individuate e/o valorizzate, nonostante siano presenti, in quanto confuse se non addirittura sostituite con concetti di sottomissione, arretratezza o maleducazione perché inconsciamente i gesti o le [...]

Continua...

Strumenti e tecniche di relazione per assistenti sociali e operatori che lavorano con l’utenza migrante (3° parte)

Il lavoro con l’utenza migrante mette in luce alcuni limiti dell’assistente sociale sottolineando l’esigenza di arricchirsi e dotarsi di una relazione d’aiuto interculturale possibile solo riconoscendo l’importanza dell’assunzione di un approccio interculturale in quanto in grado di fornire gli strumenti e le tecniche per costruire una relazione d’aiuto volta al riconoscimento delle capacità e delle [...]

Continua...

Strumenti e tecniche di relazione per assistenti sociali e operatori che lavorano con l’utenza migrante (2° parte)

Nella relazione interculturale occorre riconoscere la presenza di eventuali difficoltà linguistiche, di comunicazione e/o dei conflitti di valore con le persone e famiglie migranti, attraversate da processi di acculturazione. L’approccio interculturale non è lineare e univoco in quanto strettamente interconnesso alle rappresentazioni sociali, ai meccanismi etnocentrici e ai modelli professionali di riferimento. L’emersione e la [...]

Continua...