Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Fight club, l’integrazione del sé come processo sociale

Sono passati ormai 20 anni dal romanzo di Chuck Palahniuk, una sorta di thriller ad altissimo tasso di violenza, ma anche una sfida sociologica, a denunciare le aberrazioni dell’epoca in cui viviamo, e i suoi falsi valori, con una carica suggestiva esemplare, e da cui tre anni dopo fu tratto lo stupendo film di David [...]

Continua...

L’assistente sociale: destra o sinistra? (3^ parte)

Ogni sistema sociale postmoderno ha un doppio sottosistema: la sicurezza sociale e l’assistenza sociale. La prima, la sicurezza sociale, è intesa come un complesso di attività ed iniziative sociali, pubbliche e private, dirette ad assicurare ai propri cittadini, in qualsiasi momento della loro esistenza, i mezzi necessari per soddisfare le loro necessità vitali, il benessere [...]

Continua...

L’assistente sociale: destra o sinistra? (2^ parte)

Ma noi assistenti sociali, in fin dei conti, siamo di destra o di sinistra? Da dove ci deriva, ad ogni buon conto, questo bipolarismo concettuale? Il pensiero politico-sociale riguarda proprio due scuole di pensiero storico e socio-economico: quello liberista, legato al libero mercato e allo Stato riparatore, e quello socialista, connesso all’azione diretta dello Stato [...]

Continua...

L’assistente sociale: destra o sinistra? (1^ parte)

“Che cos’è la destra, cos’è la sinistra?” recitava una famosa canzone del compianto Giorgio Gaber. Sentirci di destra o di sinistra ancor oggi crea identità, dà appartenenza, sostiene pure “opportunità di carriera” nel mondo del lavoro, ma crea all’assistente sociale vere e proprie trappole ideologiche che di fatto lo bloccano rispetto ad una “neutralità intelligente” [...]

Continua...

Resilienza: abbandonare l’approccio lineare e considerare la fragilità come ricchezza umana

Il termine “resilienza” deriva dal latino “resalio”, che significa saltare, rimbalzare, per estensione danzare. Tale termine è stato principalmente utilizzato nel campo della fisica per designare la capacità di un metallo di riprendere la propria forma dopo aver ricevuto un colpo non abbastanza forte da provocarne la rottura. È la capacità di un corpo di [...]

Continua...