Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


L’arte di aiutare: il counseling con la Pedagogia per il Terzo Millennio

Aiutare è una vera e propria arte che necessità di una professionalità concreta, pratica e operativa; di un metodo che consenta di spostarsi dal curare al prendersi cura. Questa professione esiste, si chiama counseling. E’ una professione che prevede attraverso l’ascolto, l’empatia e la creazione di uno spazio protetto, il miglioramento della comunicazione, la sola cosa capace di guidare l’individuo a comprendersi meglio e a trovare in prima persona la soluzione ai propri problemi. In questo tempo storico in Italia, in particolare, e in tutte le grandi città, il calore umano di una buona relazione è soffocato dalle mille incombenze della vita moderna, e non è sempre facile, per chi si ritrova momentaneamente in uno stato di difficoltà, in dubbio rispetto a una decisione da prendere o con un senso di spazio protetto in cui l’interlocutore si senta accolto, rispettato e, soprattutto, ascoltato. Nella stanza del counselor sarà possibile osservare insieme – dopo averlo, “portato alla luce”, tutto quello che prima era pensato e ripensato nel chiuso di una stanza senza interlocutore. Grazie allo specchio del counselor emerge una visione più obiettiva e globale della situazione, diventa molto più facile “vedere con chiarezza” e individuare le strategie di azione necessarie per superare il momentaneo stato di disagio. Nella visione dell’arte della cura attraverso la parola promossa dalla Fondazione Patrizio Paoletti per lo sviluppo e la comunicazione, il counseling si sviluppa grazie alla capacità di mediare, avvicinandosi all’altro tanto da fargli sentire la bellezza del cambiamento prodotto da un suo passo verso un’attitudine nuova, la sola capace di provocare un cambio di posizione, di punto di vista, cambio necessario per “guarire” dai piccoli malesseri quotidiani. Grazie alla mediazione prodotta dal counselor il cliente diverrà capace di generalizzare e poi di traslare la sua capacità di riconoscere la risorsa adeguata per risolvere da solo tutte le problematiche che la vita gli presenta via via. Quella del counselor è una professione nata solo di recente in Italia, sta però sviluppandosi rapidamente per due motivi fondamentali:

  • uno tutti hanno avuto e hanno a volte bisogno di un aiuto
  • due molti svolgono già un ruolo di questo tipo nella loro vita quotidiana e, grazie ad un corso mirato, potranno scoprire di avere una per questo modo nuovo di interpretare l’arte di aiutare ad aiutare.

Per saperne di più chiamare il numero: 068082599

Articoli Correlati

  • Non ci sono post correlati

Nessun commento Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

(obbligatorio)