Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Disabilità mentale e abilità sociale: politiche di integrazione e di inclusione sociale

Questa mia trattazione affronta la problematica della disabilità mentale attraverso la descrizione di alcuni suoi aspetti e si propone, innanzitutto, di essere una sintesi del percorso che accompagna la persona in una situazione di disabilità mentale, nel processo di integrazione e di inclusione sociale.
Nel primo capitolo parlo di disabilità mentale e abilità sociale, scindo questi termini e specifico che l’una non esclude l’altra, mi soffermo poi sul pregiudizio e il conseguente stigma sociale che accompagna la disabilità mentale; il processo di empowerment per i soggetti aventi un disagio psichico; propongo, per ultimo l’accezione dei termini: abile – handicap – disabile – diversamente abile e una proposta di classificazione positiva quale potrebbe essere il termine diversabilità.
Il secondo capitolo è interamente dedicato a sviluppare la tematica dell’inclusione sociale riferita a persone con disabilità mentale. Elenco una serie (le più significative) di opportunità di inclusione sociale che ciascuno di noi ha nel proprio percorso di vita e che vanno dalla scuola, al lavoro, ai rapporti con i mass media e tutte le forme di socializzazione anche virtuali, fino allo sport.

La tesi è scaricabile nell’Area Download

Articoli Correlati

  • Non ci sono post correlati

Nessun commento Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

(obbligatorio)