Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


La fiducia nel lavoro sociale

Vi proponiamo un momento di confronto con l’assistente sociale Luana Paolini sul tema della fiducia nella relazione professionale alla luce del nuovo codice deontologico degli assistenti sociali.

Nel lavoro sociale la fiducia assume un ruolo fondamentale è indispensabile che le parti si fidino l’una dell’altra per portare ad un cambiamento. Come si arriva alla fiducia reciproca?
Come si possono superare i momenti di dubbio sul fatto di poter costruire una relazione di aiuto basata sulla fiducia?

Quali strumenti può mettere in campo l’assistente sociale per tenere presente le indicazioni del codice deontologico e lavorare quindi “con” la persona per far sì che possa raggiungere il miglior benessere possibile?

Come si colloca il tema della fiducia quando l’assistente sociale non è in grado di rispondere alle aspettative della persona (es. quando il budget del servizio è ridotto, oppure ci sono troppi vincoli di accesso ai benefici, quando il mandato istituzionale è rigido, quando c’è una funzione di controllo)?

Come si può costruire un rapporto di fiducia con le persone provenienti da altre culture?

Il video è visibile a link: http:// https://youtu.be/mZRUW4IFdNg

Articoli Correlati

Nessun commento Leave a comment »

No comments yet.

Leave a comment