Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale

Nonostante l’Europa sia una delle zone più ricche del mondo si insinuano in essa delle significative sacche di povertà: il 17% degli abitanti europei non riesce infatti a garantire per se stesso e la propria famiglia il minimo di risorse atte a soddisfare i bisogni primari.
Vivere senza il denaro sufficiente per acquistare cibo, vestiti e mantenere un alloggio dignitoso significa essere conseguentemente a richio di emarginazione sociale.
L’Unione Europea ha deciso quindi di intraprendere un’azione coordinata tra i vari Stati membri per cercare di raggiungere una maggiore consapevolezza nei confronti di queste problematiche.
Il principio guida dell’Anno europeo 2010 è quello di dare voce alle persone vittime della povertà e dell’esclusione sociale attraverso una serie di numerose attività di sensibilizzazione.
Anche Caritas Europa ha colto questa occasione per dare visibilità ai più poveri con un interessante opuscolo intitolato “La povertà in mezzo a noi” che racchiude da un lato un’analisi teorica sulla povertà e dall’altro lato la descrizione della stessa attraverso le storie di vita raccolte  tra coloro che solitamente non hanno voce.

Per saperne di più potete consultare:
Against Poverty -sito della Commissione Europea
Sussidio di caritas Europa “La povertà in mezzo a noi”

Articoli Correlati

1 commento Lascia un commento »

  1. Che lo si voglia o no, tutti noi siamo coinvolti in ciò che accade nel mondo. Qualunque sia il nostro status, tutti possiamo vedere che un gran numero di persone ha uno standard di vita che supera ogni proporzione. Come se la povertà non esistesse affatto. Tuttavia, il fatto che la maggioranza degli abitanti di questo pianeta vive in povertà e che milioni soffrano di fame, è nostra responsabilità. Forse è sufficiente prestare attenzione alle vere cause di questo squilibrio, ed essere consapevoli della grande necessità di intraprendere azioni atte a incoraggire a distribuire meglio la ricchezza tra le persone. “Ogni consapevolezza individuale, di per sé , può diventare un incentivo per gli altri a seguire il buon esempio e in questo modo, contribuire ad una visione collettiva in grado di cambiare il mondo intero.” (Alex Mero)

    Commento by Isabel Eco — 31 gennaio 2011 [Permalink]

Lascia un commento

(obbligatorio)