Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Aiutare a morire

Normalmente l’assistente sociale accompagna le persone nella loro vita o verso la vita. Molto più spesso di quanto si crede, invece, ci troviamo a fare i conti con percorsi -più o meno lenti- verso la morte. Sia con l’anziano, sia con il malato cronico, l’assistente sociale si viene a trovare a contatto quotidiano con l’imperfezione, [...]

Continua...

Malattia di Alzheimer, rapporto medico-paziente e tutela giuridica

La malattia di Alzheimer comporta nel tempo un progressivo declino delle funzioni cognitive e per il medico diventa sempre più difficile attuare una relazione efficace, sia in termini strettamente comunicativi che giuridici, come ad esempio la necessità di dover acquisire il consenso informato. Se da un lato diventa indispensabile avvalersi della collaborazione dei familiari del [...]

Continua...

La malattia di Alzheimer

Professione, comunicazione e malattia sono le parole chiave di questo libro scritto pensando a come nella pratica professionale la relazione tra il medico ed il paziente ha luogo attraverso la comunicazione: le parole del medico guariscono o ammalano, fanno sorridere o piangere, incutono tristezza e dolore oppure gioia e serenità, ridanno speranza dove il vuoto [...]

Continua...

DMR il primo strumento di screening per la demenza nella DI in lingua italiana

Il fenomeno dell’invecchiamento dei disabili induce stupore; infatti solo da poco ci confrontiamo con questo problema umanissimo, anche soltanto sul piano delle relazioni interpersonali. Lo stupore deve però trasformarsi in impegno, superando difficoltà e incertezze e fondandoci sulla formazione di operatori tecnicamente preparati e di persone sensibili alla sofferenza, soprattutto quando si presenta senza limiti [...]

Continua...

Al passo coi loro tempi

Quando mi fu proposto di lavorare con gli anziani fui contentissima perché l’alternativa era un asilo nido. Ciò mi fece sentire in parte più sicura, convinta che le competenze necessarie per lavorare con gli anziani fossero minori rispetto a quelle di qualsiasi altro settore e relativamente minime paragonate poi ad un settore complicato quale quello [...]

Continua...

L’invecchiamento e la demenza nella disabilità intellettiva: un case study di intervento e ricerca

La popolazione affetta da disabilità intellettiva (Intellectual disabilities, ID) in generale e da sindrome di Down (Down Syndrome, DS), sta rapidamente invecchiando con un maggiore rischio di sviluppare una demenza simile a quella d’Alzheimer (Dementia of Alzheimer Type in Down, DAD) (Eyman e Call, 1991; Mann 1988). Per questi soggetti è intuitivo comprendere come sia [...]

Continua...

L’Italia e la popolazione anziana oggi: una piccola analisi

In Italia, come in tutti i paesi occidentali, la popolazione anziana sta rapidamente crescendo, sia in termini assoluti sia come quota percentuale sull’intera collettività, e continuerà a crescere. La causa principale dell’invecchiamento della popolazione è stato il drastico declino della natalità, infatti l’Italia detiene un preoccupante record negativo e si colloca ben al di sotto [...]

Continua...

Un’esperienza da volontaria

C’è chi considera il volontariato una perdita di tempo. ma non è proprio cosi, ci sono volte in cui hai voglia di mollare tutto come del resto accade per tutte le cose che facciamo… ma se si trova la forza di ricominciare sempre, si scopre ogni giorno un mondo nuovo fatto di piccole attenzioni, ci [...]

Continua...

Gli inclassificabili

Questo articolo purtroppo non da’ delucidazioni, non ha soluzioni, anzi… pone un grosso problema, che, probabilmente, chi segue gli anziani come me, si è ritrovato ad affrontare scuotendo la testa. Sono sempre più frequenti i casi di persone che giunte a una certa età, nonostante l’autosufficienza e una mancata diagnosi di Alzheimer o di demenza, [...]

Continua...