Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


Assistenti Sociali e lavoro: curriculum e bilancio di competenze (4^ parte)

L’OFFERTA

Cercare lavoro è un pò come sedurre il partner: non basta volerlo amare, occorre anche saperlo conquistare. Si tratta, in buona sostanza, di sapersi presentare, di gestire contenuti ed estetica in un mix equilibrato con un unico e preciso scopo: far interessare l’interlocutore a noi, fargli passare per la mente l’idea che siamo noi – e solo noi! – il partner ideale. In ciò è strategico saper scrivere il proprio curriculum vitae e, se possibile, saper redarre il  proprio bilancio di competenze. Quando ci si presenta, infatti, occorre sapersi vendere bene: veste grafica, strutturazione del testo e contenuti del curriculum sono tutti elementi da saper gestire al meglio, sempre calibrando il tutto rispetto a chi ci leggerà.

Ricordate:

1) competenze certe e potenziali favoriscono il collega nel passare dal limbo del precariato a quello del lavoro stabile;

2) la professionalità si forma e si consolida non solo lavorando, ma dando al percorso un senso di evoluzione personale;

3) ogni esperienza, seppur precaria, comporta un’acquisizione competenziale che va però dichiarata ed attestata;

4) non esiste una separazione tra l’io lavorativo e quello extralavorativo, ma una integrazione positiva di più aspetti nella stessa personalità, per cui ci si evolve sia nel lavoro che nel tempo libero, maturando capacità personali (lavorative e non) in entrambi gli ambiti;

5) non è importante fare esperienze solo in un settore, ma saperle tutte collegare verso un’unica piattaforma competenziale, orientando il tutto verso un disegno “personale” del modello professionale di professionista dell’aiuto.

Ecco quindi l’offerta di erogare brevi consulenze su come scrivere il proprio curriculum affinchè questo possa essere più efficace nelle presentazioni. Idem per il bilancio di competenze: conosciamoci meglio, fotografiamo i nostri punti di forza e di debolezza e facciamo scelte di investimento sul nostro progetto professionale.

Approfittane: è gratis, riservato e veloce. Vieni a trovarmi sul mio sito internet.

Articoli Correlati

1 commento Lascia un commento »

  1. Certamente il collega dott. Albano ha dietro di sè molti anni di professione, e con i suoi articoli offre a tutti noi A.S valide iniziative e spunti per la riflessione.

    Commento by giacinto — 10 marzo 2013 [Permalink]

Lascia un commento

(obbligatorio)