Questo sito utilizza diversi tipi di cookie, sia tecnici sia quelli di profilazione di terze parti, per analisi interne e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze manifestate nell'ambito della navigazione.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso di tutti cookie.

| |


Spazio libero per la tua pubblicità,
contattaci »


La famiglia come risorsa per la cura e la prevenzione della dipendenza da alcol

La dipendenza da alcol, come molte altre problematiche che colpiscono i più fragili, riguarda non solo chi ha bisogno d’aiuto, ma ciascuno di noi.
Ognuno fa la differenza nella società, una società che si costruisce sulla famiglia e che l’assistente sociale, ispirandosi alle indicazioni della L.328/2000 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato d’interventi e servizi sociali”, deve vedere come risorsa tutta da riscoprire, da valorizzare e utilizzare in questi tempi d’incertezza. La famiglia, infatti, può essere un aiuto importante nell’affrontare la dipendenza da alcol.
La mia tesi, pertanto, analizza, attraverso una ricerca condotta su un piccolo campione di alcolisti in trattamento, le potenzialità e la possibilità di essere leva per affrontare il problema del famigliare alcolista.
Si è, inoltre, ipotizzato un progetto che, facendo capo a una figura poco nota qual è il Servitore Insegnante, potesse essere d’aiuto nel lavoro di rete di fronte alle diverse difficoltà che s’incontrano nell’affronto dell’alcoldipendenza.
Oltretutto, dalla mia esperienza in un Club di Alcolisti in Trattamento (CAT), ho rilevato i benefici che un assistente sociale può trarre nel suo agire professionale da un’esperienza quale Servitore Insegnante di un CAT, e che riporto con la speranza che possa costituire spunto di riflessione.

La tesi è scaricabile nell’Area Download.

Articoli Correlati

Nessun commento Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

(obbligatorio)